Scoperta imbarazzante, e un po a luci rosse, per il governo di Sua Maestà. A ottobre scorso, il server di AdultFriendFinder, noto sito d’incontri, è stato preso di mira dagli hacker che hanno trafugato milioni di contatti di posta elettronica. Fra questi, 1.119 account sono associati al ministero della Difesa, 12 al Parlamento, 54 alla Polizia, 437 al Servizio sanitario nazionale e 2.028 a varie scuole del Regno Unito. Ma la scoperta di indirizzi email britannici ‘imbarazzanti’ non è comunque una novità. Lo scorso anno, nell’attacco hacker al sito per adulti Ashley Madison emerse che tra i 37 milioni di account violati erano presenti 92 indirizzi di posta elettronica del ministero della Difesa e 124 con il suffisso gov.uk.

La notizia dell’attacco al sito a AdultFriendFinder, che vanta oltre 40 milioni di utenti attivi, è stata pubblicata soltanto settimana scorsa dal sito internet Leaked Source che ha reso noto anche che l’attacco informatico ha violato un totale di 339 milioni di account registrati in vari siti. Tra gli indirizzi email britannici violati, 5,2 milioni in totale, sette presentano il suffisso ‘gov.uk’, impiegato per gli indirizzi di posta elettronica degli uffici governativi. Secondo quanto riporta il Telegraph, non è chiaro se tutti gli indirizzi email siano reali. Alcuni, infatti, come camerond@parliament.uk appaiono chiaramente falsi, al pari di un barack.obama@whitehouse.gov, pure scovato nella mole di dati trafugata dagli hacker.

Insieme al noto sito d’incontri, sono stati violati anche 73 milioni di account associati al “siti amici”. Fra questi quello di video live a sfondo sessuale Cams.com e il sito erotico Penthouse.com.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni Usa 2016, come l’algoritmo Ada ha tradito Hillary Clinton

prev
Articolo Successivo

Gli studenti sono il nostro futuro: parole di speranza dagli USA

next