È stata archiviata la causa penale aperta dopo l’incidente del bus in Catalogna costato la vita il 20 marzo scorso a 13 studentesse Erasmus, fra cui sette italiane. Il giudice istruttore del tribunale di Amposta, vicino a Tarragona, ha escluso che l’incidente sia stato dovuto a problemi meccanici o alla guida imprudente dell’autista e ha rinviato le parti al procedimento civile. “Siamo stupefatti e nuovamente sotto choc”, è il commento di Alessandro Saracino, padre di Serena, una delle studentesse morte nell’incidente. “Ci riserviamo di procedere legalmente in tutte le sedi competenti – ha aggiunto – e chiederemo all’Unione Europea di prendere posizione sulla vicenda”.

Dopo l’incidente i Mossos d’Escuadra, la polizia regionale catalana, avevano contestato all’autista 13 “omicidi per imprudenza”, ritenendo che la causa più probabile della tragedia fosse un colpo di sonno. La polizia aveva rilevato, grazie ai dati della scatola nera del bus, diversi cambiamenti di velocità prima dello schianto. La stampa spagnola scrive che lo stesso autista dopo l’incidente avrebbe detto ai soccorritori di essersi addormentato. Secondo il giudice di Amposta invece il guidatore, rimasto gravemente ferito nell’incidente, circolava alla velocità massima consentita di 100 km/h e aveva rispettato i tempi di riposo previsti per legge. Esclude anche che possa essere stato distratto da un telefono cellulare. Contro la decisione di archiviazione del magistrato potrà essere presentato ricorso.

Il bus, carico di studenti Erasmus, era partito all’alba da Barcellona diretto a Valencia, per la tradizionale festa di primavera delle Fallas. Una pratica tipica dei viaggi low cost che collegano le due città spagnole. Di recente il presidente della repubblica Sergio Mattarella, in occasione di una cerimonia dedicata al ricordo delle giovani vittime dell’incidente, aveva ricordato come sia “necessario che le attività connesse alla partecipazione di giovani a progetti di studio all’estero avvengano in una cornice di sempre maggiore sicurezza“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Luca Varani, la procura chiude l’indagine: “Omicidio premeditato e pluriaggravato”

next
Articolo Successivo

Bari, “ha soffocato figlia di 3 mesi in ospedale”: arrestato. Tribunale revocò l’affido della piccola ai servizi sociali

next