Da qualche parte, in Italia, c’è Gorino. All’improvviso non è né diminutivo di Goro né paese d’anguille. Ma il paesino delle barricate. “Minacciato” da una ventina di profughi donne e bambini, Gorino è il nuovo simbolo di resistenza leghista. Guardo le foto e mi viene in mente Don Lorenzo Milani, quando mostra la foto di un plotone d’esecuzione ai suoi ragazzi e chiede “Voi da che parte state? Plotone o condannati?”.

Rientro adesso da scuola con mio figlio, 8 anni, chiedo aiuto a lui, gli racconto il fatto, gli mostro le foto e gli chiedo “Tu… da che parte stai?“. Stiamo con Don Milani.

20161025_142136

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti a Gorino, le ragioni delle barricate anti-profughi: “Ma quale razzismo, aiutiamoli a casa loro”

next
Articolo Successivo

Migranti respinti, il sindaco di Goro: “Con la paura escono gli istinti peggiori della gente”

next