A Tagadà (La7) è andato in onda un servizio in cui gli esponenti di Sinistra italiana fanno campagna per il No al referendum andando a citofonare ai cittadini spiegando loro le ragioni per rifiutare la riforma costituzionale. Fra le strade del Testaccio però c’è qualcuno che scambia Stefano Fassina e Paolo Cento per venditori ambulanti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crozza è Napalm51, l’hater ce l’ha con Saviano: “Vippettino del cazzo”. Poi la confessione sui libri…

next
Articolo Successivo

Taglio stipendi, Staino vs Padellaro: “Grillini nati su fesserie e violenza”. “Abbi rispetto dei loro elettori”

next