GOMME INVERNALI

Come si pongono gli italiani di fronte all’obbligo, ove previsto, di avere a bordo pneumatici invernali? Non troppo bene, stando a un recente sondaggio effettuato dall’istituto di statistica Norstat per conto di 123gomme.it: oltre il 50% dei nostri connazionali non ha intenzione di passare a coperture invernali e, cosa ancora più allarmante, solo il 33% di questi monta gomme “all season”. Questo perché gli intervistati ritengono che “nella maggior parte delle regioni della penisola non occorra passare alle gomme invernali”.

Per fortuna, c’è un 49% che invece dichiara di essere pronto ad effettuare il cambio, nella grande maggioranza (82%) rivolgendosi all’autofficina di fiducia. Ma non disdegnando di acquistare le gomme direttamente online e occuparsi in prima persona dello stoccaggio del treno estive o “all season”. Attenzione però, in caso di mancata ottemperanza delle ordinanze, si può incappare in una multa di 85 euro.

INDIETRO

Pneumatici invernali obbligatori a bordo dal 15 novembre 2016. Ma gli italiani fanno spallucce – LA GUIDA

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

DeLorean DMC-12, l’indimenticabile macchina del tempo di Ritorno al Futuro verrà prodotta di nuovo – FOTO

prev
Articolo Successivo

Bambini in auto, è allarme seggiolini. Solo 4 genitori su 10 li utilizzano

next