Ritorno al futuro… anzi, al passato: sembra che la mitologica DeLorean DMC-12, la vettura protagonista della celebre saga diretta da Robert Zemeckis e interpretata da Michael J. Fox e Christopher Lloyd, potrebbe presto tornare in produzione grazie all’americana DMC Texas. Un po’ di storia: l’auto originale venne prodotta in circa 9.000 esemplari, tutti assemblati nello stabilimento di Dunmurry (vicino Belfast, in Irlanda), a cavallo tra il 1981 ed il 1983. Al progetto, abbastanza travagliato a dire il vero, presero parte anche “celebrità” del mondo delle quattro ruote come Colin Chapman, fondatore della Lotus, e Giorgetto Giugiaro, che si occupò dello stile.

Tuttavia, nonostante lo spettacolare design della carrozzeria in acciaio inossidabile, con tanto di portiere ad ali di gabbiano, la DMC-12 fu un clamoroso flop commerciale: colpa delle scarse prestazioni del motore 2.8 V6 PRV da 130 CV montato dietro l’asse posteriore e di un prezzo sensibilmente più alto della (più veloce) concorrenza. Il colpo di grazia fu un aumento dei costi produttivi in un momento di tasso di cambio sfavorevole, aggravati da uno scandalo che investì John DeLorean alla fine del 1982 (venne accusato di traffico di stupefacenti e poi prosciolto). Nel 1985 tuttavia fu proprio il primo capitolo della famosa trilogia cinematografica a riportare la DMC-12 alle cronache e renderla famosa in tutto il mondo.

Ora DMC Texas, fin dal 2007 specializzata nel restaurare, personalizzare e compravendere le DeLorean, potrebbe presto rimettere in piedi la produzione del modello: si tratta di piccoli numeri, ovviamente, ma sufficienti a mettere sull’attenti tutti gli appassionati di automobilismo. Fondamentale per questa resurrezione è il “Low Volume Motor Vehicle Manufacturers Act”, un provvedimento del Governo USA che garantisce ai costruttori artigianali di poter realizzare piccolissime serie produttive: in pratica la DMC Texas potrà assemblare fino a 325 pezzi all’anno, purché rispettino i limiti di emissioni inquinanti fissate dalle istituzioni.

Per questo sotto al cofano della nuova DeLorean potrebbe finire un V6 Toyota da 3.5 litri. DMC Texas stima di poter produrre annualmente circa 50 veicoli, venduti ad un prezzo di 100.000 dollari, ed ha appena pubblicato sul suo sito web un documento compilabile: serve a far capire all’azienda quanti potrebbero essere i potenziali acquirenti. Probabilmente Michael J. Fox e Robert Zemeckis saranno fra i primi ad aver compilato il form in questione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Volkswagen, la filiale italiana rifiuta l’accordo con l’Unione Nazionale Consumatori. “Un’occasione mancata”

prev
Articolo Successivo

Pneumatici invernali obbligatori a bordo dal 15 novembre 2016. Ma gli italiani fanno spallucce – LA GUIDA

next