Utente chiede “Salve, ho appena fatto lo Spid. Come posso fare adesso ad accedere al bonus dei 500 euro?”.

Agid, Agenzia per l’Italia digitale, risponde: “Ciao Riccardo, il bonus cultura non è disponibile perché è in via di perfezionamento. Molto presto lo sarà e potrai utilizzarlo tramite Spid”.

Altro utente protesta: “È inconcepibile che a metà ottobre ancora questo bonus non sia disponibile e ancora ci sono persone che lo aspettano per acquistare i libri scolastici”.

E ancora Agid risponde: “Ciao Gabriella, il servizio presto partirà, i numerosi soggetti coinvolti per la sua attivazione stanno lavorando per ottimizzare gli aspetti tecnici più complessi, e vedrai che presto sarà disponibile. Nessuna promessa incompiuta”.

La traduzione di questo scambio è che tutto è fermo. E’ passato un mese da quando è stato lanciato il sito 18app, su cui esercenti e destinatari devono iscriversi per usufruire e far usufruire del bonus cultura da 500 euro promesso dal governo a oltre 500mila giovani. E, dopo un mese, aprendolo ci si trova ancora di fronte alla sua versione beta. Significa che oltre a registrarsi, se si è esercenti, o a essere reindirizzati nel portale di Spid, se si è maggiorenni, c’è poco altro da fare. Si può aspettare, certo. Ma per quanto?

Quello che si sa è che la nuova versione non può essere ancora rilasciata perché in Agid attendono che si concludano alcune procedure amministrative. Quali siano, però, non è dato sapere. Si può però invece dire con certezza che Spid (al contrario di ciò che evoca il nome) procede a rilento: secondo il ministro Madia, il Sistema Pubblico d’identità digitale – che dovrebbe permettere di accedere con un unico username e un’unica password a tutti i servizi della pubblica amministrazione – entro fine anno avrebbe dovuto raggiungere quota tre milioni di utenti.

Eppure, il conteggio odierno (16 ottobre) parla di 133.506 identità rilasciate. Una disfatta, se si tiene conto che a gonfiare questo numero ha contribuito l’obbligo d’iscrizione per i neo-diciottenni che vogliano usufruire del bonus cultura.

L’ultimo grande annuncio della Pa digitale, insomma, rischia di sgonfiarsi a breve: forse la decisione del Tar del Lazio di annullare il regolamento che obbligava i provider di identità digitale a determinati vincoli assicurativi e di capitale potrebbe rendere tutto più agevole e coinvolgere anche imprese più piccole (un’ottima vittoria per Assoprovider e Assintel). Ma, di sicuro, l’obiettivo di fine anno è già mancato. E quello dei dieci milioni nel 2017, sembra solo una vana speranza.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ebook, a Milano o a Torino l’importante è che se ne parli

next
Articolo Successivo

Dal pc che disseterà l’Africa alle protesi robotiche. A Roma gli inventori fanno rete dal basso

next