Lo striscione giallo di Amnesty International che chiede “Verità per Giulio Regeni” è di nuovo in piazza Unità a Trieste. Non più sulla facciata del palazzo Comunale, da dove venerdì il sindaco di Forza Italia Roberto Dipiazza l’ha rimosso. Ma su quella della sede della Regione, che affaccia sulla stessa piazza, dove è stato affisso dalla governatrice Pd del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani.

Pochi minuti prima delle 12, la presidente, insieme con altre due persone, ha materialmente sistemato e assicurato al balcone lo striscione. Ieri il sindaco che guida la Giunta di centrodestra aveva fatto levare la scritta dal Municipio, anticipando un’eventuale decisione del Consiglio comunale su una mozione urgente sottoscritta dai capigruppo della sua stessa maggioranza.

In una nota, Dipiazza aveva giustificato la decisione con una nota in cui parlava di “sciacallaggio politico” da parte del Pd e “soprattutto del Governo”. In una successiva intervista radiofonica aveva definito la vicenda “un fatto politico”, aggiungendo: “Mi sono tolto il dente cariato e non ci sono più polemiche”.

In realtà le polemiche sono state tutt’altro che sopite, con prese di posizione a partire da Amnesty International, promotrice della campagna per la verità sul caso, a esponenti del centrosinistra, e dei giornalisti, con il quotidiano locale Il Piccolo che ieri aveva pubblicato una doppia copertina che riproduce il manifesto giallo. Serracchiani finora non si era pronunciata ufficialmente sulla vicenda, fino al gesto simbolico di stamani.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trasparenza, dalle graduatorie dei concorsi agli scontrini dei sindaci ecco i “Silenzi di Stato”. Aspettando il Foia

prev
Articolo Successivo

Referendum, Poletti: “Oggi 3 anni per una legge”. Ma il suo Jobs act fatto in pochi mesi

next