Togliere dalla facciata del municipio di Trieste lo striscione che chiede “Verità per Giulio Regeni” perché “è opportuno che la permanenza sulla facciata del Palazzo municipale abbia una tempistica contenuta“. E’ la motivazione incomprensibile, oltre che irrispettosa per la morte in Egitto il 25 gennaio, in circostanze ancora non chiarite, del ricercatore di Fiumicello, con cui quattro consiglieri comunali di centrodestra hanno chiesto la rimozione dello striscione con una mozione urgente. A darne notizia è stato il quotidiano Il Piccolo di Trieste.

La mozione è stata sottoscritta dai consiglieri Piero Camber di Forza Italia, Claudio Giacomelli di Fratelli d’Italia, Paolo Polidori della Lega Nord e Vincenzo Rescigno della Lista Dipiazza. Il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle Paolo Menis ha commentato su Facebook: “L’azione politica del centrodestra triestino: togliere dalla facciata del Municipio lo striscione Verità per Giulio Regeni”.

Intanto la famiglia Regeni in questi giorni ha confermato “la volontà già espressa alla procura italiana e al ministro Gentiloni di incontrare a breve i procuratori egiziani che stanno indagando sul sequestro, le torture e l’omicidio del loro figlio”.

mozione-trieste

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Comuni commissariati, in Italia 170 l’anno. “Colpiti” 2,5 milioni di cittadini

prev
Articolo Successivo

Muore di cancro a pronto soccorso a Roma. Figlio a Lorenzin: “Negata dignità”. Poi la beffa: “Presto aree per il ‘fine vita’”

next