Ha parlato a braccio per oltre un’ora a preti, suore, religiosi e seminaristi nella chiesa dell’Assunta di Tbilisi, in Georgia. Al centro del discorso di Papa Francesco l’unione e le difficoltà tra i coniugi. Perché, ha detto, il “grande nemico oggi del matrimonio è la teoria del gender” e di questi tempi c’è una guerra mondiale per distruggere il matrimonio“. Ma l’unione tra “uomo e donna“, ha continuato, “non si distrugge con le armi, si distrugge con le idee: ci sono colonizzazioni ideologiche che distruggono. Pertanto difendersi dalle colonizzazioni ideologiche“. E difendersi anche dalla tentazione di adulterio, dove “il diavolo si immischia”, perché in caso di divorzio “è Dio che paga”. Quindi, bisogna “fare di tutto per salvare i matrimoni“.

In un botta e risposta con i presenti, il Papa ha parlato del rapporto di coppia: “Il matrimonio è la cosa più bella che Dio ha creato. La Bibbia ci dice che Dio ha creato l’uomo e la donna a sua immagine, cioè l’uomo e la donna che si fanno una sola carne sono l’immagine di Dio. Ho capito – dice rivolgendosi una giovane – quando spiegavi le difficoltà che vengono: l’incomprensione, le tentazioni. ‘Mah, risolviamo la cosa con il divorzio e così ricominciamo di nuovo?'”. Chiede a questo punto il Papa: “Chi paga le spese del divorzio? Due persone, ma paga Dio perché quando si divorzia una sola immagine si sporca, paga Dio, e pagano i figli. Voi noi sapete quanto soffrono i bambini quando vedono le liti e la separazione dei genitori”. Da qui il monito: ” Si deve fare di tutto per salvare il matrimonio. La guerra fredda del giorno dopo è pericolosissima”.

Il Papa invita a chiedere aiuto di fronte alle tentazioni di adulterio perché dietro c’è il diavolo: “Ci sono situazioni più complesse quando il diavolo si immischia e mette una dona davanti all’uomo che gli sembra più bella della sua. O quando mette un uomo davanti a una donna che sembra più bravo del suo. Chiedete aiuto subito quando viene questa tentazione”. Un aiuto che è fatto di “accoglienza, vicinanza, accompagnamento”. Bergoglio indica le tre ‘parole d’oro’ per salvare le nozze: “Posso, grazie, scusa. Se nei matrimoni si usano queste parole, il matrimonio andrà avanti, è un vantaggio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Firenze, trovato un cadavere senza testa in un bosco. Si tratta di un clochard originario del Mali

next
Articolo Successivo

Roma, due arresti per usura. L’intercettazione: “Fagli trovare i soldi o ti sventro”

next