Al referendum del 4 dicembre “Perché No” ditelo voi. Vogliamo far girare in rete un mare di No, per salvare i valori fondanti della nostra Costituzione. La ragione? Ditela voi. Grazie a questo strumento (https://fattodavoi.ilfattoquotidiano.it/io-voto-no/) ognuno potrà motivare il suo NO alla controriforma di Renzi, Boschi e Verdini (che non vuol dire No a qualsiasi riforma, anzi: sono benvenute le proposte alternative e migliorative per il dopo-referendum).

Basta collegarsi a questo indirizzo web (https://fattodavoi.ilfattoquotidiano.it/io-voto-no/). Scrivere nell’area testo perché voterai NO al referendum del 4 dicembre. A quel punto più possibilità: scaricare l’immagine sul tuo computer e diffonderla sui social (Usarla come sfondo o avatar etc..) o inviarla ai tuoi amici per convincerli a votare NO. Inoltre hai modo di inviarla su Fatto da Voi e (dopo la moderazione) vederla pubblicata sul sito www.ilfattoquotidiano.it o nell’edizione cartacea quotidiana del Fatto. Ricorda di inserire il tuo nome e la città. Non restate anonimi. Mettiamoci la firma e diciamo a chiarelettere PERCHÉ VOTEREMO NO AL REFERENDUM.

Mancano 64 giorni al referendum, leggi tutti i #PerchéNo arrivati oggi (Vai alla gallery).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Referendum costituzionale, è testa a testa ma il No è in crescita. Resta alto il tasso degli indecisi

prev
Articolo Successivo

Referendum, un corso per spiegare la riforma che ancora non è legge ai funzionari regionali dell’Emilia-Romagna

next