Una campata centrale di oltre 3mila metri di lunghezza, torri alte quasi 400 metri, 6 corsie stradali e due binari. Avrebbe queste sembianze il Ponte sullo Stretto di Messina, se dovesse essere riavviato il progetto dell’opera. Dopo l’apertura del presidente del Consiglio Matteo Renzi, se si decidesse di realizzare finalmente l’eterna incompiuta, il cui primo progetto preliminare risale al 1992 e che cinque anni fa sembrava chiusa ma che nei fatti non è mai definitivamente tramontata, basterebbe ora riprendere in mano il Progetto definitivo approvato nel luglio 2011 dalla società Stretto di Messina (di cui è proprietaria l’Anas).

Costo complessivo

La stima aggiornata dell’investimento complessivo è di 8,5 miliardi di euro, ma la cifra è lievitata di 2,2 miliardi rispetto alle precedenti stime del Progetto Preliminare (6,3 miliardi) soprattutto per le varianti richieste dagli enti locali.

Ponte sullo Stretto, costi e misure del progetto che la politica rilancia da 50 anni

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fiducia, Istat: “Quella dei consumatori cala per il secondo mese consecutivo”. Codacons: “Ci aspettano mesi difficili”

prev
Articolo Successivo

Banche, il costo dei conti correnti sale per finanziare il salvataggio di Etruria & c

next