Una campata centrale di oltre 3mila metri di lunghezza, torri alte quasi 400 metri, 6 corsie stradali e due binari. Avrebbe queste sembianze il Ponte sullo Stretto di Messina, se dovesse essere riavviato il progetto dell’opera. Dopo l’apertura del presidente del Consiglio Matteo Renzi, se si decidesse di realizzare finalmente l’eterna incompiuta, il cui primo progetto preliminare risale al 1992 e che cinque anni fa sembrava chiusa ma che nei fatti non è mai definitivamente tramontata, basterebbe ora riprendere in mano il Progetto definitivo approvato nel luglio 2011 dalla società Stretto di Messina (di cui è proprietaria l’Anas).

Costo complessivo

La stima aggiornata dell’investimento complessivo è di 8,5 miliardi di euro, ma la cifra è lievitata di 2,2 miliardi rispetto alle precedenti stime del Progetto Preliminare (6,3 miliardi) soprattutto per le varianti richieste dagli enti locali.

Ponte sullo Stretto, costi e misure del progetto che la politica rilancia da 50 anni

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fiducia, Istat: “Quella dei consumatori cala per il secondo mese consecutivo”. Codacons: “Ci aspettano mesi difficili”

next
Articolo Successivo

Banche, il costo dei conti correnti sale per finanziare il salvataggio di Etruria & c

next