Non è vero che la sindaca Raggi abbia rifiutato la maglia della Lazio, anzi ha parlato della squadra biancoceleste anche ieri con il presidente della Roma Pallotta“. Così Daniele Frongia, vicesindaco e assessore allo Sport del Comune di Roma, smentisce ai microfoni di Radio Roma Capitale la notizia riportata da alcuni organi di informazione, secondo i quali la numero uno di Palazzo Senatorio avrebbe rifiutato la maglietta della Lazio. L’esponente M5S, poi, chiarisce alcuni passi compiuti in queste settimane dalla giunta Raggi: “E’ normale che da parte dei cittadini ci sia un’aspettativa alta e già dopo pochi mesi si chieda conto all’amministrazione. In questo caso c’era stata Mafia Capitale, ci sono problemi di soldi e quindi la macchina è molto rallentata e poco trasparente. Pertanto abbiamo cercato di fare uno sforzo silenzioso e di far leva sulla parte sana del Comune: i primi risultati sono arrivati presto”. E aggiunge: ” I problemi non sono risolti, ma la direzione è quella giusta. Il sistema Roma che abbiamo trovato non poteva trovare una soluzione in tempi immediati. In questi primi sei mesi l’obiettivo è lavorare a testa bassa per cercare di rimettere in moto tutto. Nel frattempo qualcosa l’abbiamo fatta, ma i giornali tendono a non promuovere i risultati raggiunti, meglio la radio“. Frongia sottolinea: “Tra i risultati raggiunti ci sono la riapertura del palazzo Senatorio ai cittadini, il progetto strategico di viabilità per l’Appia antica, i conteggi dei canoni delle piazze storiche, il progetto con la Figc per Uefa 2020, lo sforzo nei confronti delle zone colpite dal terremoto e la maggiore trasparenza sugli impianti sportivi. Inoltre stiamo lavorando molto per lo sblocco amministrativo dell’impianto paralimpico del Tre Fontane”. E chiosa: “Quasi tutti gli impianti sportivi comunali dovrebbero chiudere perché per venti anni nessuno se ne è occupato: non sono accatastati, non hanno impianti elettrici a norma e, in molti casi, non hanno la certificazione richiesta dalla legge. Non chiuderanno, il nostro lavoro va verso la normalizzazione

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5S, i problemi dipendono da gelosie e basagliani

next
Articolo Successivo

Melito di Porto Salvo, Boschi: “Centro di ascolto nella scuola della ragazza abusata”

next