Tra i 28 Paesi europei l’Italia è quello in cui, nel primo trimestre 2016, più disoccupati hanno rinunciato a cercare lavoro. Oltre uno su tre è finito a gonfiare le fila degli inattivi, secondo dati Eurostat pubblicati lunedì. La quota delle persone passate dalla disoccupazione all’inattività è del 37,1%, più del doppio rispetto alla media europea (18,9%). Nello stesso periodo, che coincide con la riduzione dal 100 al 40% degli sgravi contributivi sui nuovi assunti a tempo indeterminatosolo il 12,8% dei disoccupati italiani ha trovato lavoro a fronte di una media Ue del 15,4%. Il 50% resta senza occupazione.

Per fare quale confronto, in Francia i disoccupati che hanno abbandonato la ricerca nel primo trimestre 2016 sono il 17,1%, in Spagna il 14,2% e nel Regno Unito il 15,2%. I tre Paesi hanno visto invece restare senza lavoro rispettivamente il 63%, il 69,8% e il 65,3% di coloro che risultavano disoccupati nel trimestre precedente. Non sono invece disponibili i dati sulla Germania.

Sull’intera platea dei cittadini dell’Unione europea che nel quarto trimestre del 2015 risultavano disoccupati, il 15,4% (3 milioni) ha trovato un impiego nei primi tre mesi del 2016, il 65,7% pari a 13 milioni di persone è ancora senza lavoro e il 18,9% (3,7 milioni) si è spostato nella categoria dell’inattività economica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amazon, settimana lavorativa di 30 ore per alcuni dipendenti a tempo pieno

next
Articolo Successivo

Lavoro, a luglio disoccupazione giovanile è salita di 2 punti al 39,2%. Occupati giù dello 0,3%, inattivi in aumento di 0,4%

next