A Enrico Mentana non basta vincere: preferisce trionfare. Il direttore del Tg La7, già eroe universalmente riconosciuto per il modo in cui utilizza i social network, ieri ne ha fatta un’altra delle sue, facendo, come si dice insopportabilmente in questi casi, “impazzire il Web”. Il giornalista, impegnato come sempre a rispondere a tono ai commentatori della sua pagina Facebook, ha di fatto coniato un nuovo vocabolo (ad onor del vero, secondo alcuni esisteva già): “webete”, vale a dire l’ebete del web.

Lo ha fatto replicando all’ennesimo commento “benaltrista”, che metteva insieme terremoto, banche e immigrazione, in pieno stile social-populista: “Lei pensa che il prossimo le sia simile. – ha sibilato Chicco Mentana – Ma non c’è distanza maggiore che tra il virtuoso e il virtuale: eppure per lei se uno non grufola contro gli invasori è un fake. Lei è un webete”. Inutile dire che è venuto giù il web, roba da 92 minuti di applausi di fantozziana memoria, con Mentana portato in trionfo tra i meandri dei social network come la Madonna Pellegrina, simbolo del trionfo della ragione sulla pancia.

Secondo molti, Mentana è la risposta over 60 al piccolo Matteo, che qualche tempo fa aveva coniato l’abusato “petaloso”, segnalandolo all’Accademia della Crusca. E ieri in tanti hanno cinguettato all’account Twitter dell’Accademia per segnalare “webete”, il contributo alla lingua italiana del Mitraglia. Dalla Crusca, però, ormai non sanno più come ripetere che non tocca a loro apporre il bollino del neologismo sui termini proposti, ma agli italiani stessi, che con l’utilizzo del vocabolo di fatto lo assimilano nella lingua italiana e gli spalancano le porte del dizionario. La cosa assurda, ma forse neanche tanto, è che a esaltare Mentana è stato soprattutto Twitter, cioè lo stesso social che il giornalista aveva polemicamente abbandonato tempo fa proprio perché pieno zeppo di “webeti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giocare a SuperMario fa di te un idraulico ad honorem? No. E scrivere su Facebook non fa di te uno scrittore

next
Articolo Successivo

Mark Zuckerberg, i 500 mila euro in pubblicità alla Croce Rossa? Chi li definisce “carità pelosa” non ha capito niente

next