Scontro vivace, durante In Onda Estate (La7), tra lo scrittore Mauro Corona e la vegana Daniela Martani, ex concorrente del Grande Fratello ed ex hostess di Alitalia. Il tema del dibattito è l’opportunità di mangiare carne o meno, argomento sul quale Corona osserva: “Ognuno è libero di mangiare quello che vuole. Il problema è come ci si pone a portare avanti la propria battaglia. Ci vogliono buona educazione, civiltà e rispetto, perché io mi son sentito dare dell’assassino solo perché ho acquistato un binocolo alla fiera della caccia”. E aggiunge: “Ho scritto anche un libro sui cani abbandonati e ammazzati per strada, ma a volte si dimentica che vengono massacrati e macellati bambini e che i vecchi vengono lasciati in ospizio. Lì nessuno dice nulla. E invece basta mangiare un alimento a base di carne ed ecco che sei un assassino. Anche io sono andato a caccia” – continua – “ma non perché avevo voglia di sparare elefanti come Hemingway, ma perché stavo crepando di fame. Ora, sentir parlare male dei cacciatori non mi va. Adesso mangio poca carne, perché faccio fatica a digerirla, non certo per un principio etico. E non infierisco sui vegani o sui “fraschisti” o su chi fa scelte alimentari diverse”. Martani ribatte: “Io sinceramente non conosco il signor Corona”. Lo scrittore insorge: “Neanche io la conosco, quindi ignoriamoci bellamente a vicenda!”. L’animalista prosegue: “Corona ha detto che ognuno può mangiare quello che vuole. No. Gli animali sono essere senzienti”. “Io mangio quello che mi pare!”, sbotta Corona. Martani replica: “Milioni e milioni di raccolti, che sono destinati agli allevamenti intensivi, sono sottratti a miliardi di persone che muoiono di fame. Io mi stupisco della maglietta di Emergency che indossa il signor Corona, quando c’è gente che muore di fame per allevamenti intensivi”. “Ma pensa un po’” – commenta, sorridendo, lo scrittore – “anche i sensi di colpa…”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, Lavia vs De Magistris: “Delibera per il No? Atto da Sud America”. Ma Carlassare difende il sindaco

next
Articolo Successivo

Renzi, Castaldini (Ncd) vs economista Puglisi: “Abbiamo abolito Imu”. “Dice castronerie megagalattiche”

next