Sicuramente l’emozione ha giocato un ruolo determinante nella formulazione del discorso di Alfio Barbagallo, neodeputato dell’assemblea regionale siciliana (per la lista Musumeci) subentrato al posto di Gino Ioppolo. Il suo intervento di insediamento è decisamente improbabile: “Per tutto quello che si dice nella vita – ha detto in uo dei passaggi clou – ha un grande ruolo per essere qua, che era il mio sogno nel cassetto anche in ritardo. Mi sento un piccolo uomo in un grande laghetto, con tante ma tante mani amiche che sicuramente mi guideranno in questo percorso”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Casta, la lettera del metalmeccanico a Sannicandro: “Suo intervento ci ha offesi. Ecco perché operai non vi votano più”

next
Articolo Successivo

Islam, Salvini contro il velo: “Che tristezza le atlete coperte da capo a piedi alle olimpiadi”

next