Tutto questo putiferio sulla vignetta di Mannelli dedicata a Maria Elena Boschi, riaccende eterni dibattiti sul politically correct. Con alcune involontarie svolte comiche, come l’Unità che scrive un indignato articolo contro Il Fatto e le sue vignette e poi in prima pagina ricorda con nostalgia quando il giornale faceva satira sui leader di partito (e pubblica un disegno di Alessandro Natta tutto nudo: uomini, coraggio, indigniamoci un po’ per questa degradazione del nostro virile corpo…)

L’indignazione è efficace se dispensata con parsimonia. Altrimenti è un riflesso condizionato, attivato per conformismo da un Tweet o da una dichiarazione di agenzia o da un’ordine dall’alto. Non voglio tornare sull’interpretazione della vignetta, di cui ho già scritto. Ma trovo davvero bizzarra tutta questa attenzione per la prima pagina del Fatto.

Le agenzie e i siti e i giornali che rilanciano, sdegnati, la vignetta di Riccardo Mannelli sono gli stessi che hanno completamente – e dico completamente – ignorato cose ben più gravi che Il Fatto ha pubblicato in questi mesi: le inchieste sulle strane manovre intorno all’Eni, il fatto che un giudice della Corte costituzionale è indagato, la lottizzazione renziana della Rai, perfino la notizia che c’erano forze speciali italiane in Libia e Iraq ha avuto dignità di richiamo solo quando – due settimane dopo di noi – l’ha scritta Repubblica.

E le parlamentari che si inalberano sono le stesse che non hanno avuta nulla da obiettare quando Novella 2000 pubblicava servizi con fotografie a doppia pagina di Maria Elena Boschi e titoli incredibili tipo “A un passo dal topless”. TgCom24, testata di Mediaset, ha dedicato addirittura un servizio alle onorevoli smagliature. Dove eravate voi sdegnate deputate e senatrici? E voi infervorati commentatori? Non ditemi che vi erano sfuggite.

E vogliamo parlare del ministro Marianna Madia che si fa immortalare sulla copertina di Oggi con un incolpevole neonato? Non è doppiamente degradante, usare il proprio ruolo di mamma e il proprio figlio per salire nella scala del consenso. E Vanity Fair? “Un dono chiamato Maria Firenze ospita la prima Olimpiade per atleti con sindrome di Down. La famiglia Renzi partecipa con due madrine e una piccola grande trascinatrice. Che, scrive qui sua zia (e moglie del premier), a tutti ha insegnato il valore dell’amore” . Ma davvero vi indignate per la vignetta di Mannelli e non per queste cose?

La verità, cari doppiopesisti, è che quell’uso degradante e ammiccante del corpo della donna viene tollerato perché, a torto o a ragione, viene considerato portatore di consenso.

Nessuno si inalbera se le riviste di Gossip pubblicano le foto del ministro Stefania Giannini a seno nudo (ne ha scritto, con foto, perfino Il Corriere della Sera) perché viene considerata una normale tappa dell’evoluzione da persona a personaggio, lo scambio tra privacy e popolarità.

Se il popolo legge gossip, diamogli gossip: seni, cosce e perfino la cellulite vengono ridotte a strumento dell’attività politica o, meglio, dell’autopromozione.

Non so voi, ma io trovo più degradante che redattori, titolisti e lettori dibattano della quantità di cellulite di una ministra o di una deputata piuttosto che un disegnatore condensi, con il suo stile, le critiche che tante volte noi abbiamo esplicitato in lunghi e argomentati articoli: che la Boschi non ha argomenti per difendere una riforma da lei stessa scritta.

E, per favore, adesso rimangiatevi tutti i vostri “Je Suis Charlie”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Arianna Huffington lascia la direzione dell’Huffington Post. Guiderà una start up che si occupa di salute e benessere

next
Articolo Successivo

CensuRAI

next