Oltre un centinaio di docenti ha preso parte a un in sit-in davanti alla sede della Prefettura di Palermo contro il piano di immissioni in ruolo della ‘Buona scuola’. Gli insegnanti chiedono al governo di aprire un tavolo per fermare l’esodo di docenti dalle scuole del Sud a quelle del Nord. I manifestanti hanno esposto striscioni con scritto “Mobilità farsa è esodo di massa” e cartelli con indicate le destinazioni delle scuole del Nord dove sono stati assunti a tempo indeterminato. La protesta è stata indetta dal ‘Comitato 8 mila esiliati Fase B Gae‘, nato pochi mesi fa, per denunciare “l’anomalia di una riforma, quella della Buona Scuola, che ha spedito al Nord gli insegnanti del Sud con i punteggi più alti e iperspecializzati pur in presenza di posti disponibili nelle scuole del Mezzogiorno”. Secondo i manifestanti su 8 mila docenti immessi in ruolo nelle scuole del Nord, 5 mila sono siciliani e fino a due anni fa hanno insegnato negli istituti dell’Isola.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Puglia, a volte le storie hanno (anche) un lieto fine

next
Articolo Successivo

Migranti, 25 anni fa a Bari lo sbarco di 20mila albanesi. Così arrivarono con “la nave dolce”

next