“In una grande democrazia come l’Italia non è possibile che il direttore generale della Rai guadagni sei volte più del premier: se questa dirigenza continua così, sarà quella che a furor di popolo farà privatizzare la Rai“. Dopo il Pd, anche il ministro dell’Interno Angelino Alfano, ai microfoni di Radio Anch’io, se la prende con i maxi stipendi dei manager voluti da Matteo Renzi, capo del suo stesso governo.

E mentre la tv pubblica si appresta nelle prossime settimane a cambiare i direttori dei telegiornali, il leader Ncd lancia un affondo sul tema dell’informazione: “Se il canone dei telespettatori viene utilizzato per pagare non giornalisti interni all’azienda, ma persone prese magari dall’Espresso o da Repubblica che poi fanno trasmissioni flop dal 2%, questo non va bene”.

In testa ai maxi compensi della televisione pubblica, anticipati da Il Fatto Quotidiano, c’è il direttore generale Antonio Campo Dall’Orto con 650mila euro l’anno. Segue il dirigente alla guida di Rai Pubblicità Antonio Marano (392mila euro). Dopo di lui c’è Giancarlo Leone (360mila euro), da oltre vent’anni in Viale Mazzini, e la presidente Monica Maggioni, a quota 336mila euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rai, ecco gli altri dirigenti e giornalisti con stipendi superiori ai 200 e ai 300mila euro

prev
Articolo Successivo

Emilia Romagna, hotel per giornalisti pagati da Regione. Iacopino (Odg): “Rischio procedimento disciplinare”

next