La Russia vuole controllare tutti gli atleti, non solo quelli russi. Le parole dell’ex capo dell’antidoping russo, Ramil Khabriyev, arriva dopo l’accusa della commissione investigativa indipendente della Wada, l’agenzia antidoping internazionale, che ha indagato sulle Olimpiadi di Sochi 2014, rilevando che il “Cremlino ha coperto gli atleti dopati”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Olimpiadi di Rio 2016, il calciatore brasiliano Gabigol: “Atmosfera stupenda. Siamo alla ricerca di un sogno”

next
Articolo Successivo

Olimpiadi Rio 2016 – IOC, nessun boicottaggio della Russia

next