Prima della strage di Dallas, l’ultima ondata di proteste per la morte di Alton Sterling e Philando Castile si era diffusa ieri in diverse città americane. A Chicago, i manifestanti hanno occupato un tratto della Dan Ryan Expressway, una delle arterie principali della città, per circa 10 minuti. A New York, diverse centinaia di manifestanti hanno bloccato il traffico a Times Square, nel cuore di Manhattan, cantando “Mani in alto, non sparare”.  Le sparatorie da parte di agenti della polizia in Louisiana e Minnesota in cui sono morti cittadini afroamericani “non sono episodi isolati, ma sono sintomo delle ampie sfide sul nostro sistema di giustizia penale, sulle disparità razziali, e della conseguente mancanza di fiducia che esiste tra le forze dell’ordine e molte delle comunità in cui operano” aveva detto Obama. “Ammettere che abbiamo un problema serio – ha aggiunto – non contraddice in alcun modo il nostro rispetto e apprezzamento per la stragrande maggioranza degli agenti di polizia che ogni giorno rischiano la vita per proteggerci”.

Da Trayvon a Freddi, i neri uccisi negli ultimi anni
Gli Stati Uniti, d’altra parte, venivano dal dramma di due giovani afroamericani, Alton Sterling e Philando Castile, uccisi in meno di 48 ore da agenti di polizia in Louisiana e Minnesota. Il caso che ha portato alla ribalta la disparità di trattamento nei confronti degli afroamericani eraè quello di Trayvon Martin, 17enne nero ucciso in Florida il 26 febbraio del 2012. L’uccisione del teenager ha scatenato manifestazioni in tutto il paese con migliaia di proteste, riprese anche l’anno successivo dopo l’assoluzione del vigilante.

Michael Brown, 18 anni, è morto il 9 agosto 2014 a Ferguson, un sobborgo di St. Louis, in Missouri. Colpito senza essere stato trovato in possesso di armi, era sospettato di aver commesso un furto in un negozio pochi minuti prima. La sua morte aveva provocato manifestazioni in tutti gli Usa e atti di vandalismo a Ferguson.

Laquan Mc Donald era stato ucciso da un agente con 16 colpi di pistola nel Southwest Side di Chicago il 20 ottobre 2014, a 17 anni. L’agente disse che il ragazzo aveva un coltello e temeva per la sua incolumità, ma è stato incriminato.

Tamir Rice, il 22 novembre 2014, viene ucciso da un agente a Cleveland, Ohio, a soli 12 anni. Tamir giocava con una pistola giocattolo e il poliziotto, pensando si trattasse di un’arma vera, ha fatto fuoco. L’agente non è stato perseguito penalmente.

Freddie Gray, 25 anni, è morto a Baltimora, Maryland, dopo essere stato arrestato e caricato su un furgone della polizia con l’accusa di avere con sé un coltello a serramanico. L’episodio è avvenuto il 12 aprile 2015: il giovane è entrato in coma ed è poi deceduto per il trauma alla spina dorsale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sparatoria Dallas, 5 agenti uccisi e 7 feriti. “Nel mirino poliziotti bianchi”. Cecchino era un riservista (FOTO E VIDEO)

prev
Articolo Successivo

Usa, in 6 punti l’escalation dei neri uccisi dalla polizia. Nel 2015 nel 97% dei casi nessun agente è stato incriminato

next