Sono morte dieci donne a bordo di un gommone carico di migranti durante l’ennesimo naufragio nel Canale di Sicilia, a circa 20 miglia dalle coste libiche. La Guardia Costiera è riuscita a trarre in salvo 107 superstiti.

Secondo la prima ricostruzione, la centrale operativa di Roma della Guardia Costiera ha ricevuto una richiesta di soccorso e ha inviato la propria nave Diciotti. L’equipaggio, giunto sul posto, ha trovato il gommone semi-affondato e molti naufraghi in acqua. Sono stati salvati 107 migranti, tra cui donne e bambini e recuperati i cadaveri delle 10 donne morte in mare.

Il naufragio è avvenuto con condizioni meteorologiche pessime, mare forza 3, vento a 30 nodi e onde alte due metri. Continua la ricerca di eventuali dispersi e secondo l’ultimo tweet della Guardia Costiera, sono state recuperate e tratte in salvo altre 117 persone a bordo di un’altra imbarcazione poco lontana dal luogo in cui è naufragato il gommone.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Revisori e controllori, in Italia sono 170mila. Ma tra tangenti e crac, nel 2015 solo 7 depennati da elenchi dei ministeri

next
Articolo Successivo

Migranti, naufragio aprile 2015 con 700 morti: recuperato il relitto

next