Vivace battibecco tra Mario Lavia, giornalista dell’Unita.tv, e l’attrice e giornalista Veronica Gentili, durante Coffeebreak, su La7. Casus belli: il critico e corrosivo editoriale di Lavia su Virginia Raggi, all’indomani della vittoria della neo-sindaca di Roma. Il ritratto disegnato dal giornalista dell’Unità ha innescato in rete una ridda di polemiche, che si sono riassunte con le definizioni di “misogino” e di “maschilista” attribuite all’autore. Lavia si difende: “Mi dispiace di aver dato l’impressione di quello che non sono: io non vorrei mai risultare volgare, tanto meno nei confronti di una donna. Ho scritto sì un articolo pesante e urticante, ma non si trattava di un’analisi politica, anche se per me la vittoria della Raggi non va bene e non credo che sarà un grande sindaco“. E aggiunge: “Penso che una sconosciuta che vince col 65% merita tutti i complimenti e gli apprezzamenti. Tuttavia, ribadisco che il mio giudizio su questa sindaca non è positivo. Vedremo cosa farà. Ma ritengo del tutto legittimo che i giornalisti e chiunque debbano criticare i vincenti, perché criticare chi perde è molto facile. Con la Raggi posso essere stato eccessivo, e me ne scuso con lei e con chiunque la apprezzi, però voglio sperare che in questo Paese sia riconosciuto ancora come legittimo il criticare un sindaco. La cosa assurda della mitica rete è che adesso non si può criticare chi ha vinto. Se lo fai, passi per uno che rosica“. “Beh, questo con Renzi lo abbiamo visto tutti” – osserva Veronica Gentili – “però spezzo un’incredibile lancia per Lavia: il pezzo non mi è piaciuto per niente, l’ho trovato molto spiazzante e brutale dal punto di vista verbale, ma non misogino”. “Ma infatti io ho scritto le stesse cose su Di Maio e Di Battista“, precisa Lavia. Inevitabile la provocazione della conduttrice Flavia Fratello: “C’è un analogo pezzo di Lavia quando Renzi ha vinto?”. “No” – risponde ironicamente Gentili – “però anche su questo voglio fare i complimenti a questi scudieri di Renzi, che ormai lo proteggono a mo’ di scudi umani“. Piccata la reazione della firma dell’Unità: “‘Scudieri di Renzi’ lo dici a qualcun altro. Dillo ai tuoi amici del Fatto… scudieri di Grillo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brexit, gaffe della Meloni: “Certo che sono stata in Inghilterra, a Dublino”. Poi lite con Severgnini

next
Articolo Successivo

Referendum costituzionale, Tremonti: “Europa sarà ostaggio del nuovo Senato, disastro per l’Italia”

next