Alcuni ricercatori australiani hanno scoperto che un farmaco formulato per trattare l’osteoporosi può avere un ruolo nella lotta contro il cancro al seno. Secondo le stime una donna su 400 sono portatrici del gene difettoso BRCA1, la mutazione che ha indotto l’attrice Angelina Jolie a ricorrere alla doppia mastectomia nel 2013.

Gli studiosi del Walter and Eliza Hall Institute di Melbourne hanno osservato che tali cellule ospitano una proteina che stimola la crescita del tumore e che la proteina, detta Rank Receptor, viene attaccata da un farmaco contro l’osteoporosi. Nello studio guidato da Jane Visvader e Geoff Lindeman e pubblicato su Nature Medicine, è stato usato tessuto donato da una paziente portatrice del gene prima di sottoporsi a mastectomia, per individuare le cellule che danno vita al cancro nei geni difettosi BRCA1. I ricercatori hanno scoperto che le cellule difettose possono essere identificate dalla proteina marker Rank: il farmaco Denosumab è usato come inibitore del Rank nell’osteoporosi.

Quando è stato usato il farmaco sul tessuto donato, le cellule difettose precancerose hanno smesso di moltiplicarsi o sono state disattivate. “Bloccando l’attività di questo recettore rank possiamo disattivare la proliferazione di queste cellule che sono predisposte a diventare cancerose”, scrive Visvader. In ulteriori test dell’inibitore su femmine di topi con BRCA1, due terzi di esse non hanno sviluppato il tumore. Inoltre uno studio pilota del farmaco su tre portatrici umane del BRCA1 ha mostrato una riduzione significativa nel numero di cellule che si dividevano. “Riteniamo di essere diretti verso il “Sacro Graal” della ricerca sul cancro, verso una maniera di prevenire questo tipo di cancro al seno in donne ad alto rischio genetico”, aggiunge Visvader.

L’articolo su Nature

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Malattia di Lyme, Nature: “Dagli Usa si sta diffondendo in Europa a causa del clima che muta”

next
Articolo Successivo

Viaggio nella scienza di Interstellar col fisico Kip Thorne: “Un film è come un grande progetto scientifico”

next