E Brexit fu. Tra i cittadini che intervistiamo molti sono contrariati dall’esito del referendum britannico. “E’ una vittoria dei populisti, gli inglesi se ne pentiranno“, dicono alcuni. “L’Unione europea si indebolisce ancora di più, ora è possibile un effetto domino“, aggiungono altri. Ma ci sono anche numerose voci favorevoli. “Hanno fatto bene, il popolo ha deciso di riprendersi la propria sovranità“, sostiene qualcuno. “Dovremmo decidere anche noi cittadini italiani se rimanere o uscire da un’Unione incapace di riformarsi”, dichiarano altri. “No, quest’Europa va cambiata ma non ci possiamo permettere di tornare indietro, siamo troppo indebitati e con una moneta troppo debole“, ribattono altri ancora. E voi cosa ne pensate? Vi sembra una scelta saggia quella del Regno Unito? Si riprenderà da questo colpo il progetto dell’Unione europea? Vorreste un referendum popolare anche in Italia? E nel caso come votereste?  di Piero Ricca, riprese e montaggio Matteo Fiacchino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Inter ai cinesi, il Milan tratta: diventeremo una colonia? Vox tra i milanesi di Chinatown

prev
Articolo Successivo

Brexit, “tornare agli Stati nazionali?”. I giovani italiani sul futuro della Ue: vox e sondaggio

next