gallesGALLES – Prima di Euro 2016 non si era mai qualificata agli Europei, e aveva partecipato solo al Mondiale del 1958. Ma adesso il Galles è diventato squadra vera e si è permesso il lusso di lasciarsi alle spalle l’Inghilterra nel Girone B. Merito di Gareth Bale, nuovo re di Gran Bretagna, ma anche di Ramsey e Allen, difesa e contropiede fulminante. E la corsa dei Dragoni continua: negli ottavi derby da favorita contro il Nord Irlanda, nei quarti la vincente di Ungheria-Belgio. Scenari impensabili fino a qualche settimana fa. VOTO: 8

Euro 2016 che non t’aspetti: Galles, Irlanda, Islanda, giovani speranze e vecchie conferme. Il pagellone delle sorprese

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Europei 2016, dal tacco di Ronaldo alla serpentina di Eder: la classifica dei 10 gol più belli della prima fase – IL PAGELLONE

next
Articolo Successivo

Europei 2016 – Papere, gol sbagliati e difensori ballerini: le 10 peggiori euro-topiche da Tatarusanu a Ibra

next