C’è chi un titolo lo ha già vinto prima di scendere in campo per conquistare il primo trofeo con la sua nazionale. Il re dei giocatori su Facebook è Cristiano Ronaldo. L’asso di Funchal non ha rivali in quanto a like tra le pagine fan sul popolare social network. Sono oltre 112 milioni le persone che hanno cliccato “mi piace” sul suo profilo. Nulla a che vedere con i colleghi, da Mesut Ozil (30 milioni) a Iker Casillas e Wayne Rooney (25 milioni a testa) bisogna metterne insieme almeno cinque per superare lo stuolo di appassionati del numero 7 del Real Madrid. Tutti però stanno contribuendo a innalzare il traffico su Facebook relativo a Euro 2016. Numeri destinati a ingrossarsi con l’inizio della competizione, ma già importanti. Il social inventato da Mark Zukerberg ha calcolato che dal 1° maggio al 7 giugno circa 84 milioni di persone hanno generato 221 milioni di interazioni relative al torneo continentale.

Cinque le nazionali più “chiacchierate’ a livello globale: la Francia, paese ospitante, è seguita da Inghilterra, Russia, Germania e Italia. Ma nello stadio virtuale più grande del mondo, dove ‘tifano’ oltre 650 milioni di appassionati di sport, si parla anche di singoli giocatori e – ancora una volta – la top 5 è dominata da Cristiano Ronaldo, il calciatore che genera più post e commenti su Facebook. Seconda e terza piazza per il capitano della Spagna Sergio Ramos e per il portoghese Nani, seguiti da Gareth Bale e da un altro lusitano, il difensore blanco Pepe.

Molti di loro sono protagonisti anche sui profili delle nazionali, sempre più attivi in queste ore. Molti staff delle squadre, infatti, stanno aumentando i momenti di interazione con i tifosi, portati direttamente nei ritiri e sui campi. Sulle pagine Facebook di Germania e Galles ogni giorno vengono trasmessi dei live durante gli allenamenti; il Portogallo sta invece condividendo con i suoi fan i “dietro le quinte’”delle partitelle di riscaldamento, mentre Inghilterra e Spagna trasmettono le conferenze stampa in diretta. Il Belgio ha deciso di mettere in contatto giocatori e tifosi attraverso delle sessioni di “domande e risposte” simili al “Matteo risponde” ideato da Renzi: gli appassionati chiedono, i Diavoli Rossi rispondono. Senza filtri.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Europei 2016, la storia del Vecchio Continente attraverso il calcio – 1972, l’ultima Grande Ungheria

prev
Articolo Successivo

Europei 2016, l’identikit del tifoso attraverso i social. “Il 67% degli italiani commenta le partite su Whatsapp e il 94% non rinuncia alla scaramanzia”

next