Troppa ansia prima degli esami? I gatti in classe possono aiutare. A Canberra, in Australia, una sc Gatti in classe per mitigare l’ansia paralizzante degli studenti che si preparano agli esami di maturità. E’ l’esperimento che conduce con successo il college St. Francis Xavier a Canberra, in Australia, che invita un locale ente protezione gatti a introdurre in un’aula di studio i felini, lasciandoli liberi di circolare per l’aula e di interagire con i giovani sotto stress.

“Gli studenti avevano i libri aperti, con i gattini sulle ginocchia, si rilassavano e la pressione calava visibilmente. E’ un ambiente migliore per prepararsi agli esami”, ha detto la consulente scolastica della scuola, Donna Lambert, alla radio nazionale Abc. “Per quanto difficile sia stata per loro la giornata, dopo un po’ si vede come si calmano, qualcuno si addormenta pure”.
L’organizzazione Kitten Rescue, che si occupa dei trovatelli, ha fornito i gatti e il personale per tenerli d’occhio. Anche i mici beneficiano dell’attenzione, ricevendo prezioso tempo di socializzazione prima di essere adottati.

Gli animali di compagnia stanno diventando uno strumento di terapia sempre più largamente accettato per mantenere la salute mentale in ospedali, case di riposo e centri di assistenza alle vittime di trauma. I cosiddetti cani di conforto, addestrati per offrire contatto delicato e interazione con gli esseri umani, sono stati messi a disposizione in questi giorni ai sopravvissuti alla recente strage di Orlando in Usa e ai loro familiari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Londra vieta le pubblicità sessiste. L’Italia troverà mai il coraggio di farlo?

next
Articolo Successivo

“In Vietnam in motorino, carichi di libri e penne per 6mila bambini. E il nostro volontariato 2.0 diventerà diario di viaggio”

next