L’auto di un presunto foreign fighter è stata fatta aprire dagli agenti della polizia insieme agli artificieri all’aeroporto di Fiumicino. Da due mesi il mezzo si trovava nel parcheggio lunga sosta dello scalo romano. Secondo le indagini capillari svolte dalla Polizia di frontiera di Fiumicino, dalla Digos e da esperti dell’antiterrorismo, apparteneva a un 37enne di cui sono state rese note solo le iniziali del nome T.N.W., di nazionalità inglese, ma di origini dello Sri Lanka che, molto probabilmente, è in Siria a combattere tra le fila dello Stato islamico.

All’interno della vettura, una monovolume Seat Alhambra con targa inglese, aperta intorno all’una di notte con una micro-carica di esplosivo azionata a distanza, non è stato trovato nulla di sospetto. Le indagini di Polizia di frontiera e Digos continuano: al momento è certo che l’uomo è entrato regolarmente nel parcheggio lunga sosta dello scalo romano il 24 marzo scorso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caso Moro, ex poliziotto: “Il giorno dell’agguato in via Fani furono sospesi i controlli di ‘bonifica’ nelle strade vicine”

prev
Articolo Successivo

Reggio Calabria, truffe ad assicurazioni: medici arrestati e oltre 200 denunciati. “Incidenti inesistenti e falsi certificati”

next