Chi ha comunicato alla Rai di non avere il televisore spedendo l’autocertificazione prima del 24 marzo rischia di dover comunque pagare il canone. A denunciarlo, il giorno dopo la pubblicazione in Gazzetta ufficiale del decreto sul canone in bolletta, è l’Unione nazionale consumatori. Nel testo della legge infatti si prevede che “ai fini della dichiarazione di non detenzione gli utenti devono utilizzare esclusivamente il modello approvato dall’Agenzia delle entrate il 24 marzo e successive modificazioni”. Questo nonostante, “secondo quanto sempre sostenuto dall’Agenzia delle entrate” e “ancora scritto nelle Faq sul sito dell’Agenzia, valgono tutte le dichiarazioni, anche quelle presentate precedentemente alla pubblicazione del modellino, purché rese ai sensi dell’articolo 47 del DPR 445/2000″.

Per questo l’associazione definisce “tesi assurda che ci lascia perplessi dal punto di vista legale” quella che valga un’unica tipologia di modello. Massimiliano Dona, segretario dell’Unione Nazionale Consumatori, chiede dunque alle Entrate di confermare che “chiunque abbia presentato una dichiarazione esaustiva che contiene tutti gli elementi utili, non può essere costretto a pagare il canone solo perché non ha compilato il modellino appositamente predisposto. Sarebbe un cavillo burocratico assurdo. In ogni caso questo pasticcio, che immaginiamo e speriamo si risolva per il meglio, conferma che in questa vicenda si sono violati i diritti del contribuente, che avrebbe dovuto avere 60 giorni dall’entrata in vigore di tutti i provvedimenti di attuazione per presentare la dichiarazione, ossia 60 giorni a partire da oggi”. Al contrario il decreto entra in vigore “dopo ben 20 giorni dalla scadenza per l’invio dell’autocertificazione sul canone Rai”.

Altro tasto dolente è che chi ha chiesto l’esenzione, per ottenere il rimborso nel caso in cui a luglio gli venga addebitata in bolletta la prima rata del canone (70 euro), dovrà presentare un’altra richiesta le cui modalità saranno però contenute in un ulteriore provvedimento delle Entrate che verrà emanato entro il 3 agosto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crescita, Bankitalia taglia le stime di aumento del pil 2016 da +1,5 a +1,1%. “Pesa il rallentamento degli emergenti”

next
Articolo Successivo

Aeroporti, lo scalo di Francoforte Hahn venduto ai cinesi di Shangai Yiqian Trading

next