“Felicissima perché è un premio alla ricerca, ma anche un modo per accendere sempre di più i riflettori sui tumori rari spesso ‘dimenticati”. Emanuela Palmerini (nella foto) oncologa all’istituto ortopedico Rizzoli di Bologna, è una delle due italiane – insieme a Carlotta Antoniotti dell’azienda ospedaliera universitaria di Pisa – ad aver vinto il prestigioso premio ‘Conquer Cancer Foundation Merit Award’ della società americana di oncologia clinica (Asco). Il riconoscimento le è stato conferito durante il congresso Asco in corso a Chicago, il più importante appuntamento mondiale del settore con la partecipazione di oltre 25 mila esperti.

ricPalmerini è una specialista dei tumori rari dell’apparato locomotore ed è stata premiata per uno studio, condotto in collaborazione con il Royal Melven Hopital di Londra, sul sarcoma di Ewing: “Abbiamo dimostrato – spiega all’Ansa – l’efficacia di un nuovo trattamento chemioterapico, con una combinazione di due farmaci, su pazienti con malattia metastatica. Su 51 pazienti, 5 hanno avuto una risposta completa con la scomparsa delle metastasi ed una sopravvivenza ad un anno superiore all’80%. Ed in 12 casi si è registrata una diminuzione metastatica del 30%. Un grande risultato anche perché questo è un tumore raro che interessa soprattutto i bambini”.

Felice per il premio, dunque, anche se già ‘avvezza’ a tali riconoscimenti: “Ho 41 anni e ad oggi ho ricevuto sei premi Asco per le ricerche condotte. Quest’ultimo lavoro è fondamentale ed il prossimo passo sarà capire quali gruppi di malati rispondono meglio alla nuova terapia”. Il punto, rileva, “è che questi tumori sono spesso ‘in sordina’ e cioè difficile avere fondi per la ricerca e non c’è grande interesse da parte delle aziende farmaceutiche. In gioco ci sono cioè numeri limitati di malati, e così dal 1989 ad oggi, ad esempio, per l’osteosarcoma un solo nuovo farmaco è stato registrato”. Bene dunque che “i riflettori si accendano anche su queste forme di cancro”.

Ma la soddisfazione è pure un’altra: “Nell’elenco dei premiati figurano istituzioni di fama mondiale e la presenza dell’Italia dimostra che la nostra ricerca è ad alti livelli“. Questo è anche un riconoscimento al ruolo delle tante donne ricercatrici: “E’ un lavoro duro, con studi lunghi – racconta Palmerini – ed il prezzo che si paga per dedicarsi alla ricerca è spesso il posticipare la vita familiare; io, ad esempio, mi sono appena sposata, ma oggi la gioia è grande”. Una soddisfazione condivisa, dall’Italia, dal direttore del reparto oncologia muscolo-scheletrica del Rizzoli, Stefano Ferrari: “E’ un riconoscimento importante alla ricerca italiana, ma anche a quella ricerca che si apre alla collaborazione internazionale. I tumori rari stanno diventando sempre di più un problema generale a va sottolineato che, soprattutto in questo settore – conclude l’esperto – da soli non si può fare nulla”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Oncologia, due italiane tra le migliori ricercatrici al mondo: premiate in Usa

next
Articolo Successivo

Aids, dagli Usa nuova arma contro l’Hiv: “Possibile in futuro sradicare il Dna del virus dai pazienti”

next