Rapporti sessuali con una ex alunna minorenne. E’ questa l’accusa rivolta a un professore di religione di Palermo: l’uomo è agli arresti domiciliari con l’applicazione del braccialetto elettronico. L’insegnante ha 47 anni e lavora in un istituto superiore del capoluogo siciliano: gli atti sessuali con la giovane sono stati definiti “circoscritti”. Il provvedimento, disposto dal giudice delle indagini preliminari, è stato eseguito all’alba dalla polizia di Stato. Gli indizi sono stati raccolti dagli agenti della squadra mobile e dalla sezione reati sessuali, nel corso dell’indagine coordinata dalla procura.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Scampia, si parla sempre dei morti. E i vivi?

prev
Articolo Successivo

Milano, donna di 37 anni trovata impiccata a un albero in piazza Napoli

next