Prosegue la mobilitazione dei lavoratori precari dell’Istat contro la riforma Giannini. In occasione della presentazione del rapporto annuale dell’istituto, da giovedì sera hanno occupato il Centro diffusione dati e lamentano che la consueta conferenza stampa “che da 22 anni si svolge in occasione del Rapporto annuale per la prima volta è stata soppressa per mettere il bavaglio al dissenso dei lavoratori di tutti gli enti di ricerca, precari e di ruolo, oggi riuniti in assemblea”.

Inoltre “le stesse organizzazioni sindacali, di norma chiamate a presenziare in Parlamento, che avevano messo a disposizione dei lavoratori i loro inviti, sono state confinate in una sala secondaria lontane dalle alte cariche dello Stato. La paura che si manifestasse il dissenso nei confronti di un provvedimento che distrugge il futuro della Ricerca era evidentemente troppo grande”.

Lo stato di agitazione del personale di tutti gli EPR – “Enti in piedi per la ricerca“, come si è autodefinita la protesta – proseguirà anche nei prossimi giorni. Il Coordinamento dei precari Istat protesta “contro l’imminente approvazione della riforma degli Enti Pubblici di Ricerca firmata Giannini, all’interno della legge delega Madia, che comporta uno smantellamento della ricerca pubblica e una precarizzazione sempre più esasperata”, si legge nella nota diffusa venerdì.

All’occupazione del centro dati si aggiungono altre iniziative promosse da alcune organizzazioni sindacali, tra cui il presidio di fronte al Miur in Viale Trastevere e un appuntamento alle 12 presso il ministero della Funzione Pubblica, che riceverà una delegazione che includerà anche un portavoce dei lavoratori in mobilitazione dell’Istat.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lavoro, Poletti: “Valutiamo taglio dei costi sui contratti stabili dal 2017”. Uil: “Ma non tocchi le pensioni”

prev
Articolo Successivo

Empori solidali, a Milano nasce ZeroPerCento. Sarà gestito da disoccupati e aiuterà i piccoli agricoltori

next