Il fondo pensionistico statale norvegese ha fatto causa a Volkswagen chiedendo il risarcimento dei danni causati dal Dieselgate. Il fondo, che ha una quota dell’1,64% nella casa automobilistica tedesca, lamenta di aver subìto consistenti perdite a causa del crollo delle quotazioni azionarie seguito allo scandalo sui dati delle emissioni truccati per farli risultare inferiori ai limiti di legge. A fine 2015 il valore della quota del fondo di Oslo era sceso a circa 750 milioni di euro.

Peter Johnsen, numero uno del Norges Bank investment management, ha annunciato la decisione dalle pagine del Financial Times. “Siamo stati consigliati dai nostri legali che la condotta della società ci fornisce elementi per chiedere un risarcimento in base alle leggi tedesche. In qualità di investitori ed è nostra responsabilità salvaguardare il nostro investimento in Volkswagen”, ha detto.

Venerdì scorso Volkswagen, che ha chiuso il 2015 con una perdita netta di 1,58 miliardi dopo averne accantonati 16 a copertura dei costi causati dallo scandalo, aveva reso noto che nonostante questo i 120mila dipendenti con contratto aziendale riceveranno una gratifica di 3.950 euro a testa. Il bonus è un’alternativa alla usuale quota di partecipazione agli utili, venuta meno visto che il 2015 si è chiuso in rosso. Lo scorso anno il bonus era stato di 5.900 euro a testa: la cifra di quest’anno è dunque più bassa di un terzo.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ilva, anche il prestito ponte da 300 milioni nel mirino della Ue: “Sospetto aiuto di Stato”

next
Articolo Successivo

Commercio estero, Istat: “A marzo import in calo del 2,4% e export a -1,5%. Male le vendite negli altri Paesi Ue”

next