“Vieni sospeso con effetto immediato dal MoVimento 5 Stelle. Se pensi che questa decisione sia basata su informazioni non corrette puoi inviare le tue controdeduzioni entro dieci giorni a questa email”. Si chiudeva così la mail che lo staff di Beppe Grillo aveva inviato al sindaco Federico Pizzarotti per sospenderlo dal M5s. E il primo cittadino di Parma, dopo avere accennato al ricorso a vie legali, ha annunciato che insieme alla sua giunta ad al suo gruppo consiliare coordinato dal capogruppo Marco Bosi, sta lavorando alle ‘controdeduzioni’ alla mail dello staff. L’obiettivo è quello di produrre una risposta puntuale e documentata alla accuse mosse.

Il primo cittadino di Parma, parlando al Tg1, si è inoltre detto disponibile a un confronto aperto. “Ho sentito di parlamentari che vorrebbero un’assemblea interna per discutere. Io – ha proseguito – sono disponibile anche in quel caso al confronto, a portare la mia voce e i miei documenti e le cose che abbiamo fatto. Anche in diretta streaming”. A Fuori Onda su La 7, inoltre, ha dichiarato che “sicuramente” la Casaleggio associati dovrebbe fare un passo indietro. Lo staff, ricorda il sindaco di Parma, è formato da ”dipendenti della Casaleggio, è qualcosa che poteva andare bene quando c’erano 10 liste in tutta Italia, mentre adesso serve una struttura autonoma”. Quando al figlio di Gianroberto Casaleggio, Davide, Pizzarotti spiega: “Penso che debba essere messo in discussione, non penso” che il ruolo “si possa tramandare. Rispetto per Gianroberto, ma non credo che la successione sia gestibile in un ambito come questo”.

Ha inoltre voluto smentire le notizie circolate sui media riguardo l’organizzazione di una convention dei critici del Movimento 5 Stelle a Parma. “E’ assolutamente falso – ha detto – non abbiamo in mente niente di tutto questo”. Sabato il gruppo consiliare del Comune di Parma si è riunito e, ha detto Bosi, “abbiamo affrontato solo due temi: la gestione immediata del Consiglio Comunale e la risposta allo staff sulle richieste mosse. Tutto il resto, a cominciare dal futuro, che sia in una direzione o in un’altra, lo discuteremo successivamente. A noi oggi interessa solo chiarire la nostra posizione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Matteo Salvini: “Ballottaggio Giachetti-Raggi? Voterei la Raggi”

next
Articolo Successivo

Federico Pizzarotti, un esame di coscienza farebbe bene sia a lui che al M5S

next