Il toto-formazione lo dà quasi certo di un esordio da titolare nella sfida interna che domenica l’Atalanta disputerà allo stadio Atleti Azzurri d’Italia contro l’Udinese e probabilmente sarà presente anche nell’ultima gara stagionale in casa del Genoa.

Occasioni importanti per il n°1 della Dea, Boris Radunovic, in vista della prossima stagione e solo il campo potrà confermare se l’attuale portiere dell’U21 serba sarà l’erede del quasi sicuro partente Sportiello (direzione Napoli?). Ma chi è il ragazzo che i bergamaschi hanno prelevato lo scorso 18 luglio – per “soli” 500.000€ – in Super Liga serba dalla formazione del FK Rad Belgrado?

Il fisico è di quelli importanti: più di 85 kilogrammi di peso distribuiti su 194 centimetri di altezza. Quest’anno è stato quasi sempre aggregato in Prima squadra nel ruolo di terzo portiere, dietro il più esperto Davide Bassi, ma è riuscito comunque a collezionare 5 presenze nella Primavera di Bonacina subendo soltanto 3 gol – 2 nella sconfitta di Como e 1 per mano dell’interista Gravillon nella gara interna del 19 settembre – e facendo intravedere qualità tecniche e atletiche importanti.

Classe ’96 e originario di Belgrado, tra pochi giorni compirà il suo ventesimo anno di età proprio dopo l’ultima di campionato, sperando di conquistare nei 180 minuti a disposizione la totale fiducia dello staff tecnico dei nerazzurri. Molto forte nelle uscite e sulle palle alte, altrettanto convincente sulle conclusioni basse, Radunovic si presenta molto reattivo tra i pali, dote piuttosto rara per un ragazzo della sua stazza. Nel disimpegno con i piedi non sfigura affatto e spazia con disinvoltura in tutta l’area di sua competenza dimostrandosi sempre attento a leggere le azioni e nel mantenere la posizione in difesa della propria porta.

Rispetto ad un anno fa è sicuramente cresciuto dal punto di vista fisico, ma anche tecnicamente ci sono stati evidenti progressi, grazie al lavoro del preparatore dei portieri della prima squadra Massimo Biffi – che ha già ottenuto ottimi risultati riscontrabili con lo stesso Sportiello – e a quello in Primavera di Giorgio Frezzolini e Carlo Resmini.

Presto i pali dell’Atalanta potranno richiedere un nuovo protagonista e il giovane Boris non può che essere tra i principali candidati al ruolo, sempre che non arrivi qualche volto nuovo durante la prossima sessione di mercato e che le prossime uscite in campionato non evidenzino particolari carenze soprattutto sotto l’aspetto emotivo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Totti, Buffon, Valentino Rossi, Piccinini e gli altri 40enni da record: quando il viale del tramonto può attendere

next
Articolo Successivo

Marcia, Alex Schwazer torna dopo la squalifica e trionfa nella 50km del Mondiale. Ora c’è Rio 2016

next