“Con questa operazione di controllo e razionalizzazione dei centri di spesa per gli enti pubblici, non di tagli lineari, ci aspettiamo un risparmio significativo fino a due miliardi di euro”. Così oggi il capo di gabinetto del Mef, Roberto Garofoli, saluta la firma dei due protocolli d’intesa, siglati al ministero dell’Economia e Finanza stamane a Roma, tra l’Autorità nazionale Anticorruzione, il Consip e il governo per attuare le disposizioni previste nella legge di stabilità sui prezzi standard e riduzione della spesa. Oggi ci sono più di 10mila centri per l’acquisto, lo scopo è di ridurli a trenta, è uno dei principali scopi della spending review. Effetti sulle casse dello Stato, ma anche sulla lotta alla corruzione. Raffaele Cantone, presidente dell’Anac, annuncia indagini ispettive a campione come per Expo per verificare il rispetto delle convenzioni Consip da parte delle strutture appaltanti . “Con i prezzi uniformi e stabiliti per legge, se un comune compra quel bene ad un prezzo x+1 dovrà spiegare il perché, potremmo capire se è negligenza o c’è un atto malevole dietro quell’acquisto” aggiunge. “Non c’è sanzione, è questo il limite di quanto stabilito nella legge di stabilità, ma attraverso un nostro controllo si può far intervenire la Corte dei Conti in caso di danno erariale, gli enti sono avvisati dunque, le ispezioni sono previste e si faranno” chiosa Cantone

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sardegna, arrestato per droga: esce dal carcere e giura da consigliere regionale. “Voglio aiutare questa regione”

next
Articolo Successivo

Giorgio Napolitano e la logica di Aristotele che manca

next