Sul tema dei migranti ora Angela Merkel si affida all’aiuto di Vienna. Lo scrive lo Spiegel. Secondo quanto riporta il quotidiano, a margine di un incontro con alcuni responsabili di Cdu e Csu domenica 17 aprile, alla cancelliera tedesca Merkel è stato chiesto da Thomas Kreutzer cosa succederebbe se l’Italia facesse passare un gran numero di migranti e se questi volessero raggiungere in massa la Germania. Merkel avrebbe risposto che “in tal caso l’Austria chiuderebbe il Brennero”. Diversi partecipanti all’incontro, riferisce lo Spiegel, sono rimasti stupiti visto che la cancelliera finora ha sempre rifiutato una chiusura delle frontiere, criticando anche il governo di Vienna.

Il primo ministro tedesca, che proprio oggi era in Turchia per visitare un campo profughi al confine siriano, insieme con il presidente del Consiglio Ue Donald Tusk ed il vicepresidente della Commissione Frans Timmermans, ha dunque evocato la possibilità di una chiusura del Brennero da parte dell’Austria, per scongiurare un eventuale esodo in massa verso la Germania.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Austria al voto, per i sondaggi è in testa il verde Van der Bellen: “Il tetto all’ingresso dei migranti è contro la legge”

prev
Articolo Successivo

Chernobyl, 30 anni dopo: il disastro è diventato un’occasione. Migliaia lavorano ancora alla centrale: ‘Ti ammali? Colpa tua’

next