“La notte non dormo perché mi si aprono gli occhi. Ho visto nascere la democrazia, avevo 17 anni e mezzo quando Genova era liberata. Voglio rivedere nascere la democrazia.” (2011. Don Andrea Gallo “Le invasioni barbariche”). Ecco. Immaginatevelo così il Gallo. Immaginatelo diciassettenne, appassionato e partigiano, che guarda il cielo soddisfatto mentre respira finalmente la libertà conquistata. Immaginate un ragazzetto dagli occhi furbi e intelligenti, intatti nella loro naturalezza e spontaneità, come se il tempo non avesse cancellato la fame di esserci, l’ardore che li accompagnava, né la speranza di cui sapevano brillare insieme a chi come lui aveva scelto da che parte stare.

don gallo 675

In quell’intervista ad un certo punto il Gallo guarda all’oggi e dice: “E’ iniziata l’eutanasia della democrazia. Però ogni mattina io alzo la testa, e allora ecco che stimoli gli indifferenti. Gli indifferenti sono fuori dalla Storia, nel ’19 Gramsci dice: Ragazzi agitatevi! Perché abbiamo bisogno del vostro entusiasmo!! Organizzatevi! Che abbiamo bisogno della vostra forza. E soprattutto.. Studiate! Perché abbiamo bisogno della vostra intelligenza.

Ecco dove ricomincia la democrazia. La “sinistra” non esiste, cos’è la sinistra!!.. La politica è quella passione per l’uomo, è uscire insieme dai problemi, partendo dagli ultimi. “Era il 2011, e purtroppo quell’eutanasia asfittica della democrazia di cui lui ci parlava, è continuata inesorabile. Cosa abbiamo sbagliato?! A volte me lo chiedo, ma io davvero su due piedi non so rispondere, e in campo ci sono probabilmente molti fattori. Ma il Gallo si rivolgeva sempre ai giovani, e li invitava a partecipare, a informarsi, a studiare, a dialogare, dibattere, organizzarsi. Ha sempre invitato i giovani a prendere in mano il loro futuro e mettere  in campo le loro energie per renderlo migliore. Ma dove sono ‘sti gggiovani? E dove sono stata?

Forse ha ragione il mio amico Bago, operaio in pensione, non a caso anche amico del Gallo; settantaseienne con gli anni di piombo e il 30 giugno alle spalle, artista per necessità emotiva. Ebbene. Forse, come dice lui, i giovani sono dei “mollaccioni” che si fanno tenere il mento dalla mamma”. Eccoci qua. Frase del secolo, che in fondo ci dà fastidio. E se ci dà fastidio è solo perché è vera. Poi certo, abbiamo un sacco di scusanti, e in questi casi si generalizza sempre. Le eccezioni ci sono, ma pare che non bastino. Sta di fatto che dall’alto ci stanno massacrando, ci sbeffeggiano, si prendono gioco di noi. E forse hanno ragione visto che non siamo in grado di esprimerci nemmeno attraverso il voto.

L’intento è quello di cancellare la rappresentanza e ci stanno riuscendo anche attraverso la rinuncia di un popolo (e di una generazione) che è ormai incapace di reagire ai soprusi e alle umiliazioni, e che contribuisce così, al degrado di una democrazia assopita. Mussolini, per fortuna, non risorgerà. Ma la dittatura che la modernità sta preparando e ha già messo in campo è più subdola, più lenta, meno destabilizzante sul breve periodo, e proprio per questo altrettanto pericolosa. È l’eutanasia della democrazia appunto.

La domanda che mi faccio allora è questa: la nuova generazione è fatta di mollaccioni geneticamente e cerebralmente modificati, oppure qualcuno ha contribuito all’impoverimento culturale e alla mancanza di responsabilità sociale di questi ragazzi? Io credo che dietro vi sia una grande responsabilità, a livello comunicativo, che parte dalla famiglia, che passa dalla scuola, e arriva ai media. A tale distorsione credo si debba assolutamente rimediare.

Tra qualche giorno sarà il 25 aprile, ricorrenza di una “Liberazione” che rappresenta l’antifascismo ma non solo. E sa parlarmi al cuore, e sa dirmi molto di più di ciò che storicamente è avvenuto, e mi trasmette il senso più intimista di una liberazione che ha inizio nella mente delle singole persone, e poi diventa “virale”, potenzialmente attuativa, per ogni tempo.

Come vorrei potessimo raccontare un giorno con lo stesso sguardo appagato e fiero del Gallo la nostra pratica di libertà!! Non è impossibile. Non è tutto inutile, e non sono/siamo dei visionari!! “Ogni partigiano era uno, insieme divennero Resistenza.” Ci hanno creduto fortemente alla libertà e alla giustizia sociale, e hanno potuto respirarla. Erano giovani e forti. In molti.. sono morti. Abbiamo il diritto, credo, e il dovere.. di fare parte e riappropriarci di un posto nella storia, che può essere solo nostro e di nessun altro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

LA PROFEZIA DEL DON

di Don Gallo e Loris Mazzetti 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sondaggi politici, Pd perde più di un punto. Crescono M5s e Lega. Testa a testa sulle riforme

next
Articolo Successivo

25 aprile, la Liberazione nera: i fascisti si ritrovano nel giorno-simbolo della Resistenza per ricordare i morti di Salò

next