I soccorsi
capitaneriaMauro Valli e Walter Mattei, ormeggiatori, “operai del porto” come si sono definiti, furono i primi a individuare il Moby Prince circa un’ora e mezzo dopo lo schianto, intorno alle 23,45. Nessuno fino a quel momento aveva cercato il traghetto che aveva mollato gli ormeggi 20 minuti prima dallo schianto. Furono loro a salvare l’unico superstite, il mozzo Alessio Bertrand.

I soccorsi, secondo la relazione dell’allora capo delle Capitanerie, furono efficienti solo a partire “da 6 ore dopo Albanesel’inizio dell’emergenza”. L’ammiraglio Sergio Albanese, comandante della Capitaneria di Livorno, uscì in mare su una motovedetta, ma non parlò mai alla radio. A una commissione ministeriale che gli chiese perché, l’ammiraglio Albanese rispose: “Assentivo” a quello che sentiva alla radio.

Moby Prince, dieci cose che devi sapere della tragedia dimenticata del 1991

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Moby Prince, la strana corsa record dell’Agip Abruzzo dall’Egitto a Livorno

prev
Articolo Successivo

Addio a Emiliano Liuzzi, la lettera della figlia Matilde: “Un anno fa eri tu a piangere il tuo babbo. Che strana la vita”

next