L’ipotesi vapore
agip abruzzoNessuno, infine, ha raccolto il dubbio sulla nebbia trasformandolo in un’altra domanda. Non se c’era o no la nebbia, ma se davvero quella era nebbia. C’è chi se l’è fatta quest’ultima domanda: i periti dell’inchiesta bis (2006-2010) Giuliano Rosati e Giuseppe Borsa. Quella che nascose la petroliera non fu nebbia, scrissero, ma vapore provocato da un guasto (banale, nel senso di frequente) all’impianto caldaie di bordo. Ma quei due periti sono stati ignorati nelle conclusioni con cui la Procura di Livorno nel 2010 chiese l’archiviazione.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Moby Prince, la strana corsa record dell’Agip Abruzzo dall’Egitto a Livorno

next
Articolo Successivo

Addio a Emiliano Liuzzi, la lettera della figlia Matilde: “Un anno fa eri tu a piangere il tuo babbo. Che strana la vita”

next