In queste settimane sulle principali reti nazionali viene diffuso lo spot della Presidenza del Consiglio sulle dimissioni in bianco.
Si tratta di un breve cartone animato che nel suo linguaggio spiega la notizia: dopo otto anni – da quando era già stata abrogata durante il governo Prodi e rimessa da quello a guida Berlusconi – le aziende non potranno avvalersi della possibilità di far firmare, al momento dell’assunzione, un foglio in bianco che verrà compilato con la data delle dimissioni quando il lavoratore o molto più spesso la lavoratrice che sta per diventare mamma non servono più.

L’idea dunque è buona se l’obiettivo era pubblicizzare una pseudo ‘ri-conquista’ in ambito lavorativo. Quello che mi sfugge però è perché lo spot poi prosegua glorificando e presentando come conquista le dimissioni telematiche “rapide, sicure e semplici”.

Ora: ben venga un sistema informatico che velocizzi e semplifichi la procedura da seguire per le dimissioni volontarie o in casi di risoluzione consensuale del rapporto di lavoro ma chiedo se il problema dell’Italia sia proprio come formalizzare una interruzione condivisa di rapporto di lavoro.

Nei giorni scorsi un’amica – madre di due figli -, lavoratrice di una grande multinazionale che ha sede in Italia mi ha raccontato di essere arrivata in ufficio e aver trovato sulla sua scrivania una scatola vuota. Dopo un breve colloquio con il responsabile le è stato comunicato che le verrà riconosciuta una cifra di “scivolo” equivalente ai prossimi sui due anni in azienda. “Due anni le basteranno per trovarsi un altro lavoro” è stata la frase che si è sentita dire. Ecco: arrivederci e grazie. In quel caso la stretta di mano con relativi sorrisi smaglianti tra i due personaggetti che chiude lo spot della Presidenza del Consiglio credo proprio non ci sia stata.

Giusto per stare sull’attualità poi sono di queste ore i dati diffusi dall’Istat secondo cui a febbraio i disoccupati sono aumentati di circa 7mila unità, con un incremento dello 0,3% (mentre gli occupati sono 97mila in meno) con un’incidenza maggiore sugli uomini rispetto alle donne. Aggiungo: le lavoratrici non è che lavorano meno degli uomini, di solito lavorano in nero o in grigio per arrotondare lo stipendio del marito palleggiandosi tra l’impegno familiare e lavoretti a chiamata.

Ora però tutti ci sentiamo più tanquillizzati grazie allo spottone della Presidenza del Consiglio con i pupazzetti che sono felici di dirsi addio in modo consensuale: per la cronaca, secondo le statistiche questo tipo di interruzione di lavoro nel nostro paese riguarda annualmente 70mila persone. I disoccupati in modo non consensuale si diano pace ed attendano la prossima campagna pubblicità-progresso.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoro senza qualità. Per l’Ocse l’Italia è tra gli ultimi della classe

next
Articolo Successivo

Riforma Fornero, sindacati in piazza per cambiare la legge. Camusso: “Lo statuto dei lavoratori è da riscrivere”

next