Il numero due dell’Isis, Haji Imam, è stato ucciso dalle forze di coalizione a guida Usa durante un’operazione in Siria. Ad anticiparlo sono i media americani, a cui è seguito l’annuncio ufficiale del segretario alla Difesa, Ash Carter. L’uomo era un alto leader religioso e braccio destro di Abū Bakr Al Baghdadi, califfo dell’autoproclamato Stato Islamico. Il vero nome è Abd ar-Rahman Mustafa al-Qaduli ed era considerato uno dei possibili successori del leader del califfato.Il dipartimento di Stato americano aveva messo una taglia di 7 milioni di dollari per qualunque informazione utile alla sua cattura.

Oltre a Qaduli, Carter ha confermato la morte del “ministro della guerra” dello Stato Islamico, Tarkhan Batirashvili, meglio conosciuto come Omar al-Shishani o “Omar il ceceno” che, secondo l’Osservatorio per i diritti Umani, era rimasto gravemente ferito in un raid aereo a inizio marzo mentre alcune fonti Usa ritenevano fosse morto. Si tratta di “un terrorista noto, fin dai suoi legami con al Qaida” e “uno dei tre obiettivi di maggiore valore” nella lotta allo Stato Islamico, ha spiegato il segretario alla Difesa, sottolineando poi che gli Stati Uniti sono “impegnati più che mai al fianco dell’Europa. I nostri nemici sono gli stessi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Attentati Bruxelles, a Cipro 30 presunti jihadisti fermati all’aeroporto: “Loro voli verso l’Europa, passano dall’area turca”

prev
Articolo Successivo

Giulio Regeni, le menzogne sulla sua morte sono tornate al punto di partenza

next