Due palestinesi, Abed al Fatah a-Sharif e Ramzi al-Qasrawi, hanno accoltellato un soldato israeliano in un quartiere di Hebron, Tel Rumeida. I militari israeliani hanno reagito con il fuoco e li hanno feriti. Poco dopo ha cominciato a circolare un video, realizzato da un residente e diffuso dall’ONG israeliana B’Tslem, che mostra i due giovani a terra, incoscienti – a un certo punto, mentre l’ambulanza se ne va con il soldato ferito, un altro soldato israeliano carica il fucile e spara alla testa di uno dei giovani, uccidendolo. Maraiv Zonszein, firma della testata pacifista israeliana “+972”, scrive di aver ritenuto opportuno non pubblicare la parte del filmato dove si sente un colono israeliano, lì presente, gridare: “Questo cane è ancora vivo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Auto blocca l’entrata del cantiere: la ditta la rimuove con la ruspa

prev
Articolo Successivo

Boko Haram, video del leader: “Per me è giunta la fine. Che Allah ci protegga”

next