Il Ponte sullo Stretto di Messina, la Salerno-Reggio Calabria e tutte le grandi opere incompiute d’Italia: saranno tutte portate a termine, parola di Matteo Renzi. “Che vergogna – ha detto il presidente del Consiglio intervistato da Isoradio – quando passiamo davanti a opere ferme da anni: bisogna finire le incompiute. Ieri sono stato alla Nuvola di Fuksas, il progetto primo era dal ’98: sono passati 18 anni, ormai votano quelli del ’98. Ora abbiamo dato una scossa e siamo felici che le opere vengano finite. Vogliamo finire tutte le opere incompiute”.

In particolare Renzi si è soffermato su due grandi opere del Mezzogiorno, veri mali endemici del sistema infrastrutturale italiano. “A Natale – ha annunciato – gli automobilisti staranno tranquilli: il 22 dicembre inauguriamo la Salerno-Reggio Calabria. Mi ridono tutti dietro quando dico che la finiremo, ma il 10 marzo sarò in Calabria a verificare l’abbattimento dell’ultimo diaframma dell’ultima galleria”. “Costi quel che costi – ha poi spiegato – noi vogliamo che sia un’autostrada seria a quattro corsie. Forse non sarà bellissima tutta ma deve essere messa in sicurezza perché lo si deve alla civiltà dell’Italia e alla sua credibilità all’estero”.

Tempi più incerti, invece, per quanto riguarda l’altro grande tema del sud Italia: le infrastrutture siciliane. “Sicuramente – ha detto Renzi – il Ponte sullo Stretto verrà fatto prima o poi. L’importante è che prima portiamo a casa i risultati di opere incompiute perché qui ci son solo quelli che pensano di arrivare e portare a casa progetti faraonici”. Secondo il premier il Ponte potrà essere utile “anche per i treni ad alta velocità”, ma “bisognerà capire costi e tempi”, ancora difficili da determinare. Perché “prima devono finire i lavori sulle strade in Sicilia e Calabria” perché alcuni tratti sono “indecenti”.

Prima le strade, dunque, e poi le grandi opere non ancora iniziate. “Sul Ponte dello Stretto – ha spiegato – si è giocato un derby ideologico tra fautori e detrattori totalmente privo di aderenza alla realtà perché se ci mettiamo un pizzico di buonsenso, prima mettiamo a posto le strade in Sicilia, perché per un periodo è crollato un viadotto al mese, dopo che negli anni ’60 e ’70 sono stati fatti lavori coi piedi. Primum vivere deinde philosophari“, sottolinea.  “In Sicilia vanno rimesse a posto strade e ferrovie. Se non uniamo Palermo, Catania e Messina di che parliamo? In alcuni momenti è stata impercorribile al suo interno ed è indecente per una regione così bella”. Insomma, “in prospettiva personalmente non ho niente contro il Ponte, anzi lo ritengo utile, l’importante è capire tempistica, costi, collegamento e quando ci sarà dovrà essere anche per i treni. Dovrà essere un pezzo della struttura di Alta velocità del Paese. Perché abbiamo la struttura ad alta velocità migliore al mondo”, aggiunge Renzi. “Ora bisogna andare da Napoli a Bari e da Napoli a Reggio Calabria e in prospettiva anche a Palermo”.

“La nuova Variante di Valico è fantastica, imparagonabile al vecchio tratto appenninico. Mettendo a posto le strade stiamo facendo un piacere all’Italia. Non è una cosa di destra o sinistra, è una cosa bella, per l’Italia”, dice il capo del governo. “Abbiamo messo più soldi per l’Anas per strade più sicure e anche al Miur perché i ragazzi devono fare progetti di sicurezza stradale e che i ragazzi siano consapevoli dell’importanza del loro ruolo alla guida”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Comunali 2016, Verdini per i renziani: Sala a Milano e Giachetti a Roma. Orfini: “Le organizzi nel centrodestra”

next
Articolo Successivo

Nuovo codice degli appalti approvato in cdm: “Basta gare al massimo ribasso”

next