La Giulia è arrivata, finalmente. E nella sua versione definitiva, si spera. Anzi, nelle sue tante versioni. Perché saranno cinque gli allestimenti previsti: Giulia, Super, Quadrifoglio più due varianti Business destinate alle flotte aziendali. Le motorizzazioni saranno sei: 2.2 Diesel da 150 CV e da 180 CV abbinati ad un cambio manuale a 6 marce oppure automatico a 8 marce, 2.0 benzina da 200 CV automatico a 8 marce e 2.9 V6 Biturbo benzina da 510 CV abbinato al cambio manuale a 6 marce. La nuova Giulia offre soluzioni tecniche sofisticate come l’Integrated Brake System (IBS), che riduce sensibilmente lo spazio di frenata, e le sospensioni attive. Sono esclusivi della versione Quadrifoglio la tecnologia Torque Vectoring, per un’ottimale ripartizione della coppia tra le due ruote sull’asse posteriore, e l’Active Aero Splitter che gestisce in modo attivo la deportanza a velocità sostenute. La Giulia, infine, potrà essere ordinata a partire dal 15 aprile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alfa Romeo Giulietta 2016, ritocchi al sapore di Giulia – FOTO

next
Articolo Successivo

Salone dell’automobile di Ginevra 2016, a spasso tra sportive e supercar – FOTO e VIDEO

next