Nubifragi, neve sulle Alpi e marea eccezionale a Venezia. Sono queste le previsioni delle prossime ore al centro-nord dell’Italia dove, a causa dell’arrivo del ciclone Golia, il meteo subirà ulteriori peggioramenti. La perturbazione insisterà in particolare su Emilia Romagna, Toscana, Liguria, Lazio e Veneto. Tra i primi danni registrati c’è il crollo di una campana di una chiesa in provincia di Imperia e la frana di una strada comunale alle porte di Siena: per il momento non ci sono state vittime.

Allerta marea a Venezia – Toccherà un picco di 140 centimetri la marea di Venezia, nella notte tra domenica 28 e lunedì 29: è l’allarme lanciato dal Centro previsioni e segnalazioni maree di Venezia che ha previsto per le 1.45 una punta massima di marea tendente a eccezionale sui 140 cm.

Allerta arancione in Liguria – Quantitativi di pioggia superiori ai 100-150 mm con rischio idrogeologico su queste regioni. Il servizio di protezione civile della Regione Liguria ha esteso a tutto il territorio regionale l’allerta arancione per piogge e temporali e innalzato lo stato di allerta per neve da giallo a rosso nelle Valli genovesi dello Stura e Savonesi della Bormida. Si prevedono potenziali forti piogge fino alle 13 di domenica, quando verrà emanato un nuovo bollettino. Anche il mare è in salita e si prevedono forti mareggiate su tutte le coste. In provincia di Imperia, a Costarainera, la campana della chiesa di Sant’Antonio Abate è stata abbattuta da un fulmine. Danneggiato anche il campanile, la cui sommità è a rischio crollo. Ad allertare i soccorsi sono stati alcuni fedeli.

Allarme neve al Nord – La Protezione civile ha avvertito che forti nevicate stanno per investire soprattutto il Nord. In particolare i fenomeni saranno rilevanti in Piemonte e Valle D’Aosta, sopra i 700-800 metri, e da domenica 28 febbraio, in Friuli Venezia Giulia. Attesi anche dalle prossime ore temporali e rovesci su Piemonte e Friuli-Venezia Giulia, che da domenica si estenderanno ad Abruzzo e Molise, specie sui settori occidentali. Il tutto accompagnato da locali grandinate e forti raffiche di vento. Fenomeni destinati ad aumentare: dalle prime ore del 28 febbraio soffieranno venti forti orientali, con raffiche fino a burrasca, su Piemonte, Lombardia e Friuli Venezia Giulia; venti forti meridionali, con rinforzi fino a burrasca forte, su Toscana, Marche, Umbria, e su tutte le regioni meridionali, con mareggiate lungo le coste esposte.

Frana a Siena – Le forti piogge in Toscana, cominciate dalla scorsa notte, hanno provocato la frana di una strada comunale a Siena davanti alle mura della città. La via è stata chiusa in entrambi in sensi di marcia e resterà off limits per il traffico fino al 5 marzo. Non si sono verificati incidenti, mentre rimane garantito l’accesso alle abitazioni poco distanti ed è stato disposto un percorso alternativo per le linee urbane ed extraurbane degli autobus.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trani, busta con proiettili al sindaco Bottaro. Emiliano: “Fare chiarezza”

next
Articolo Successivo

Arena di Verona, crisi di un’eccellenza italiana. Buco da 32 milioni, il conto lo pagano i lavoratori

next