La procura di Roma ha aperto un fascicolo, secondo quanto si è appreso, sulla vicenda della intercettazioni di conversazioni telefoniche ai danni del governo Berlusconi nel 2011 da parte dello Special Collection Service (Scs), unità speciale dell’Nsa. Era stata Wikileaks, il 23 febbraio, a rendere pubblici i documenti declassificati, relativi in particolare ai giorni caldi della crisi del debito italiani e a una telefonata fra Berlusconi e il premier israeliano Netanyahu. Il fascicolo, aperto con l’intestazione “atti relativi a”, ossia senza ipotesi di reato né indagati, contiene anche una serie di articoli dedicati dalla stampa al caso.

In passato era emerso che la Nsa spiava diversi governi europei, dalla cancelliera tedesca Angela Merkel ai fidatissimi alleati britannici, ma Forza Italia associa l’attività di spionaggio dell’amministrazione Obama al presunto “complotto” per allontanare Silvio Berlusconi dal governo durante la crisi del debito e dello spread. Appena Wikileaks ha reso pubbliche le informazioni, il partito berlusconiano è tornato a chiedere l’istituzione di una commissione d’inchiesta e ha chiesto al governo Renzi di prendere posizione con gli Usa. Da quanto pubblicato dal sito fondato da Julian Assange, in realtà, non emerge con chiarezza un’intercettazione diretta di un telefono dell’allora presidente del consiglio italiano, né del suo consigliere storico Valentino Valentini, ma di altri esponenti dello staff.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Corte costituzionale, Paolo Grossi eletto nuovo presidente con 14 voti favorevoli

next
Articolo Successivo

Catania, si suicida dopo aver perso causa ventennale: no condanna anche perché sentenza scritta a penna è illeggibile

next