Una scossa di terremoto di magnitudo 4.6 è stata registrata dagli strumenti dell’Istituto nazionale di geologia e vulcanologia attorno alle 16.30 di lunedì 8 febbraio in provincia di Siracusa, ad una profondità di soli 4 chilometri. La scossa è stata nettamente avvertita dalla popolazione anche nelle province di Ragusa e Catania.  Ai centralini di protezione civile e vigili del fuoco sono arrivate diverse chiamate da parte di cittadini allarmati ma, dalle prime informazioni, non si registrano danni a persone o cose.

Il terremoto, il cui epicentro è stato individuato tra i comuni di Giarratana, in provincia di Ragusa, e di Palazzolo Acreide e Buscemi, in provincia di Siracusa,  è stato avvertito nei comuni di Ragusa, Modica, Vittoria, Siracusa, Gela, Catania, Acireale e Caltanissetta. Non si tratta dell’unico evento sismico in poche ore: un’altra scossa, di minore entità, era stata infatti avvertita nella stessa zona nella notte tra sabato 6 domenica 7 febbraio; e per tutta la giornata di lunedì ben otto scosse sono state registrate nel ragusano, la prima alle 4,47, l’ultima di magnitudo 3,7 alle 19.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Uffizi di Firenze, non ci sono abbastanza custodi: le sale restano chiuse e le opere nascoste ai visitatori

next
Articolo Successivo

Giulio Regeni, pm Roma sente i genitori: non temeva per la sua incolumità. Egitto: “Polizia non coinvolta, no insinuazioni”

next